BES: Bisogni Educativi Speciali
PROGETTO FAMI
Sicuri sul WEB
Che tempo fa?

In evidenza


Presentazione


Servizi On line


Regolamenti


AttivitÓ e progetti


Protocolli di intesa


Feed RSS

Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional

Utenti nel sito: 104
Fine colonna 1
 

PROGETTAZIONE CURRICOLARE, EXTRACURRICOLARE, EDUCATIVA E ORGANIZZATIVA.

PREMESSA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DISCIPLINARE…

….dai bisogni formativi alle scelte educativo- didattiche.

Per la realizzazione delle azioni progettuali, le tre sedi scolastiche del nostro Istituto tesseranno una trama e un ordito pedagogico sulla base dell’idea condivisa che Le “finalità della scuola devono essere definite a partire dalla persona che apprende, con l’originalità del suo percorso individuale e le aperture offerte dalla rete di relazioni che la legano alla famiglia e agli ambiti sociali. La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche devono sempre tener conto della singolarità e complessità di ogni persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, capacità e delle sue fragilità, nelle varie fasi di sviluppo e di formazione. Lo studente è posto al centro dell’azione educativa in tutti i suoi aspetti: cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, estetici, etici, spirituali, religiosi. In questa prospettiva, i docenti dovranno pensare e realizzare i loro progetti educativi e didattici non per individui astratti, ma per persone che vivono qui e ora, che sollevano precise domande esistenziali, che vanno alla ricerca di orizzonti di significato”.

Inoltre nella logica di Continua Azione Educativo-Didattica dai 3 ai 18 Anni che possa anche andare oltre, seguendo un percorso di apprendimento e formazione che si ponga in continuità con gli studi accademici universitari, i “ponti” tra le diverse istituzioni scolastiche ed allo stesso tempo i “fili” della metaforica “tela pedagogica” che si intende tessere sono rappresentati dalle otto competenze chiave per l’apprendimento permanente definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Unione europea con la Raccomandazione del 18 dicembre 2006.

 

Di tali Competenze tutte le persone hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, per una cittadinanza attiva, per l’inclusione sociale e l’occupazione. Altrettanto, le otto competenze saranno i “fili preziosi” della “tela” che si intende tessere tra il profilo dello studente descritto dalle Indicazioni per il primo ciclo (DM n. 254/2012) e il profilo educativo e professionale previsto nelle Indicazioni nazionali dei licei, i cui percorsi scolastici “forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché egli si ponga, con atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico, di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi, ed acquisisca conoscenze, abilità e competenze sia adeguate al proseguimento degli studi di ordine superiore, all’inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro, sia coerenti con le capacità e le scelte personali”.

 

Di seguito si presentano le azioni progettuali riconducibili alle priorità definite nel RAV, correlate ai principi di continuità e di orientamento e finalizzato alla riduzione della dispersione scolastica.

 


D.M. del 16 novembre 2012, n. 254 “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione” Annali della Pubblica Istruzione, Numero speciale 2012, Ed. Le Monnier, Firenze, p. 9.

Allegato n. 2 del DOCUMENTO TECNICO del D.M. 22 agosto 2007, n. 139, “Competenze chiave di cittadinanza da acquisire al termine dell’istruzione obbligatoria

 


Pagina vista 1248 volte Stampa la pagina ...  
  Feed RSS

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su: access key T